19 Maggio 2024

Cittadella – Modena, Bianco alla vigilia: “Dopo la Feralpi la società mi ha protetto, ma avrei parlato con giornalisti e tifosi. Domani serviranno atteggiamento e qualità”

0

Le parole del tecnico alla vigilia (foto Modena FC)

Alla vigilia della delicata sfida con il Cittadella, in casa Modena è mister Paolo Bianco ad analizzare il momento dei suoi, parlando anche del post-partita con la Feralpisalò, quando a “sostituirlo” in conferenza era stato il d.s. Vaira.

Così Bianco sul match contro la Feralpi: “La squadra aveva approcciato nel modo giusto, perché siamo stati bravi a passare in vantaggio subito, non concedendo niente nel primo tempo, se non la rimessa da cui nasce il gol dell’1-1. Sul secondo gol della Feralpi, il regolamento è chiaro: i due episodi, il rigore di Gliozzi che è rigore, da regolamento, e quello dato poi sul tocco di mano di Ponsi, che non è rigore, hanno condizionato la partita. Critiche? Faccio pochissima vita sociale anche nei momenti migliori, non mi interessa ascoltare tutto, per non farmi condizionare. La partita di domani decide la settimana della squadra, chiaramente non si vede esternamente il lavoro fatto dalla squadra, ma il risultato porta a considerare buona o cattiva una settimana di lavoro”.

Riguardo all’assenza in conferenza nel post-partita, il tecnico dice: “Sarei venuto con molto piacere a rispondere le vostre domande, poi la società ha deciso così per un senso di protezione nei miei confronti. Li ringrazio per la scelta, perché hanno voluto proteggermi. Se avessi potuto scegliere di testa mia, sarei venuto a parlare in conferenza e senza problemi anche fuori con i tifosi, a testa alta come ho sempre fatto anche da calciatore. Non è stata solo una scelta societaria, chiaramente sono un dipendente e devo accettare anche ciò che non condivido, poi ci sono anche regole esterne che non dipendono da noi e quindi bisogna rispettarle. Io sono convinto del lavoro che faccio, quindi vado a testa alta. Fiducia dei Rivetti? Vi dico solo che di solito non sono con me prima o dopo le partite, mentre dopo la partita con la Feralpi sono stati tutti in ufficio con me, sia il presidente Carlo, che Matteo e Silvio”.

Capitolo avversario. Bianco parla del Cittadella: “Ha numeri incredibili su seconde palle, contrasti, subiscono tante ammonizioni perché sui contrasti vanno decisi, le ultime nove partite hanno cambiato incredibilmente la loro stagione, hanno fatto otto sconfitte ed un pari. Mancano nove partite, possono cambiare tutto. Dobbiamo giocare con lo stesso atteggiamento loro, abbinate alla qualità nostra, che per me è superiore”.

In chiusura, un’analisi sui cambi e i calciatori non utilizzati nella sfida contro la Feralpisalò: “Il doppio cambio, con l’ingresso di Oukhadda? Per me con lo Spezia, ad esempio, ha mancato per bravura del portiere avversario il gol della vittoria, mentre con la Feralpi è andata male. Ponsi è uscito malconcio, ha ripreso ad allenarsi ieri, mentre Palumbo l’ho tolto perché ci mancava equilibrio, è arrivato stanco nel finale, con l’ingresso di Bozhanaj eravamo un po’ meno equilibrati e rischiavamo di prendere prima il terzo gol. Tremolada, Gagno e gli altri esclusi? Per me, se un calciatore non è nel momento per giocare, non va in campo, ma ciò non dev’essere un problema, perché tutti si allenano al massimo e tutti, anche quando sono fuori, possono dare una mano, ed assicuro che lo fanno. Lo spogliatoio è unito”.

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *