12 Luglio 2024

Il Carpi “sbatte” sulla Pistoiese, mister Serpini: “Complimenti ai miei: se giochi sempre così, difficilmente non vinci”

0

Carpi, mister Serpini (foto AC Carpi Calcio - Daniele Lugli)

Il Carpi impatta con la Pistoiese, nel post-partita ad analizzare il match sono mister Cristian Serpini ed i calciatori biancorossi Bouhali e Cecotti.

Il tecnico biancorosso esordisce con una considerazione sull’infortunio occorso a Rossini: “Un pensiero per Matteo Rossini, speriamo che non sia nulla di grave. Oltre ad aver fatto una grandissima partita, abbiamo anche subito questa situazione, che non ci ha agevolato né sulle scelte né dal punto di vista mentale. Devo fare i complimenti ai ragazzi, spero sia un punto di partenza, questa è una partita che se rigiochi così durante il campionato vinci quasi sempre e non perdi mai. L’episodio del rigore? Pensavo fosse netto, non penso che un giocatore simuli davanti al portiere. Abbiamo avuto grandi occasioni, costruito quello che la Pistoiese ci ha concesso, serviva un pizzico di fortuna in più. I miei ragazzi sono sempre disponibili a lavoro e sacrificio, credo tanto in loro e spero di superare il momento di defaillance della scorsa settimana”.

A seguire, parla il centrocampista Aimen Bouhali: “Secondo me, per quello che abbiamo fatto in campo, meritavamo qualcosina in più, ma sappiamo che la strada è quella giusta e oggi l’abbiamo dimostrato. L’episodio di Rossini? Ci siamo spaventati in panchina perché non avevamo capito come e cosa fosse successo, poi ci ha fatto un cenno e ci siamo tranquillizzati. In campo, dove c’è bisogno mi adatto, per me abbiamo fatto un’ottima partita: peccato per quelle mezze situazioni dove, se ci gira un po’ meglio, facciamo bottino pieno”.

Chiude Tommaso Cecotti, difensore dei Falconi: “Il mister ci ha chiesto un cambio di atteggiamento, gli ultimi 10′ con il Fanfulla eravamo spaventati, mentre oggi abbiamo fatto una gara coraggiosa per 90′, purtroppo non siamo stati ripagati, ma la direzione è quella giusta. Sono stato in difficoltà un paio di volte, Obakhent è un avversario ostico e rapido, ma il mister mi ha chiesto di accorciare e non farlo respirare. Lo stadio? Mi ha messo un po’ di pressione all’inizio, ma poi cominciata la partita non ho pensato più a nulla”.

(fonte foto: AC Carpi Calcio – www.carpicalcio.it – Daniele Lugli)

Salvatore Fratello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *